fbpx

Coronavirus e turismo: le risposte per contrastare il fenomeno e scongiurare un effetto domino sull’indotto

 

Le forti preoccupazioni per il coronavirus stanno portando nel turismo a numerose cancellazioni e ad una bolla di incertezza sul resto della stagione in Italia e non solo. Il fenomeno sta avendo un impatto sia sul turismo leisure che business, internazionale e nazionale. Annullato il carnevale di Venezia, spostato in avanti il salone del Mobile di Milano e il Cosmoprof a Bologna, alcuni alberghi a Venezia stanno valutando la cassa integrazione se la situazione dovesse persistere.

Il volume di notizie negative ha creato un effetto a catena: gite scolastiche e viaggi di istruzione sospesieventi e manifestazioni pubbliche annullati. Voli cancellati, prenotazioni di tour e pernottamenti svanite nel nulla, a partire dalle settimane bianche ma con strascichi sui ponti di Pasqua e primavera. Secondo le stime di Federalberghi le cancellazioni sono in media il 40% a livello nazionale e fino al 90% di prenotazioni in meno per alcune destinazioni.

Le soluzioni? Necessarie sinergie tra tutti gli operatori del settore

Il governo ha varato misure ad hoc con lo stop a contributi e ritenute, sospensione dei versamenti di ritenute e contributi per il settore turistico e alberghiero in tutta Italia. Voucher per consentire alle agenzie turistiche di rimborsare le disdette sia di alberghi che di voli aerei. Misure destinate, a quanto risulta a Il Sole 24 Ore, a entrare nel decreto legge che all’esame del Consiglio dei ministri. L’obiettivo è scongiurare un effetto domino a cascata su tutte le imprese che operano direttamente e indirettamente con il settore evitando un effetto domino su tutti.

Necessarie sinergie tra tutti gli operatori del settore, dalle Associazioni di Categoria del settore Alberghiero, imprenditori e fornitori di servizi per costruire una proposta di rilancio dell’immagine del turismo italiano come sicuro e accessibile a tutti. Un supporto nella diffusione di una comunicazione positiva potrebbe venire dalle cosiddette “community creative” nella creazione e diffusioni di un messaggio unitario. Tra le cose più interessati viste in questi giorni sul web “la nuova campagna pubblicitaria divulgata dal portale visititaly.eu ed ideata da HotelNerds in collaborazione con il CNGA di Federalberghi. L’obiettivo, quello di contrastare il procurato allarme causato in questi giorni dai media italiani ed esteri a danno dell’Italia.”

Si tratta di un’infografica realizzata da HotelNerds in collaborazione con il CNGA di Federalberghi e rivolta ai turisti stranieri, che recita in inglese «Italian coronavirus (…). Information is the key. Come and visit us, our country is safe» (L’informazione è la chiave. Venite a trovarci, il nostro paese è sicuro). A corredo della foto, la didascalia spiega bene l’intento: «Nessun rischio in più rispetto ad altri paesi europei! Soltanto maggior prevenzione rispetto agli altri paesi europei! Molto più COMMEDIA ALL’ITALIANA!» (maiuscoli e punti esclamativi sono riportati come nell’originale, ndr).

Pubblicato con straordinaria tempestività un video realizzato da visititaly.eu “Italia, bellezza da Condividere” che ha già raggiunto una reach organica di 400K visualizzazioni e migliaia di condivisioni in pochissime ore. Un’azione rilevante che mira a trasmettere affidabilità e normalità per chi desidera o desiderava fortemente venire in Italia nel 2020.

 

Una delle cose più interessanti per la Meeting Industry, invece, le ha promosse Federcongressi&eventi, che ha attivato un monitoraggio dettagliato delle attività che ciascuna azienda del settore si vedrà costretta ad annullare nelle prossime settimane. Federcongressi&eventi ha predisposto allo scopo un database di raccolta dati raggiungibile cliccando qui che raccoglierà i dati principali di ciascun evento annullato o riprogrammato. Se sei un operatore che lavora nel segmento MICE contattali per aumentare il grado di conoscenza degli effetti sull’industria degli eventi.

Coronavirus e turismo: la risposta dei commercianti veneziani

A Venezia invece è l’associazione dei commercianti dell’area marciana a lanciare un’iniziativa meritevole di citazione: per ogni drink acquistato, un altro in omaggio. Dalle 17 alle 20, ogni giorno, per tutto il mese di marzo. Le attività storiche di piazza San Marco lanciano un appello e un’iniziativa per «ripartire», invitando i veneziani e tutti gli ospiti della città a un aperitivo, in particolare nei caffè lungo le Procuratie Nuove e Vecchie.

Coronavirus e turismo

Foto Maurizio Torresan

Coronavirus e turismo: le azioni da non fare assolutamente

La cosa più sbagliata da fare è trasmettere insicurezza e non soluzioni per i propri ospiti o potenziali clienti. Smettere di raccontare la quotidianità, che per quanto sia incerta è comunque sicura sia per chi ci vive e che per chi vorrebbe visitarla. Non fare alcuna azione o interazione nell’ottica di assicurare e rassicurare sulle misure straordinarie prese per garantire un soggiorno sicuro e nel pieno del proprio confort è come darsi la zappa sui piedi. Rinunciare a promuoversi o smettere di comunicare, il vero suicidio.

L’incertezza del momento sta facendo emergere tutta la fragilità di un sistema troppo frammentato che invece, in maniera unitaria e a partire da un organo preposto, dovrebbe costruire nuove e efficaci azioni di destination branding volte a creare nel turista/consumatore l’advocacy positiva, ovvero l’atto di raccomandare o consigliare a conoscenti ed amici un determinato prodotto/brand così da influenzarne le scelte. Bisogna tornare a raccontare i musei, i teatri, l’arte, la cultura e la bellezza dei territori italiani, le loro eccellenze e peculiarità e uscire dal loop in cui siamo precipitati.

Hai un ospite nella tua struttura? Coinvolgilo nel raccontare l’esperienza in Italia, è arrivato il momento di associare il Brand Italia con il prodotto sicurezza. Sei un operatore turistico esperienziale, Tour operator, agenzia di viaggi o una struttura ricettiva e vuoi comunicare in maniera efficace con il tuo pubblico o i tuoi clienti ma non sai come fare? Contattami per un supporto gratuito in attività di Pubblicità Online, Email Marketing, Campagne Facebook e Instagram Ads, risparmia tempo e risorse e inizia a comunicare in maniera efficace.

Seguimi su Facebook e LinkedIn

Pin It on Pinterest

Share This